Aggiornamenti
06/10/2020
Torna a casa, Trump!

Ieri il Ministro tedesco Altmaier ha cercato di infondere ottimismo sui mercati affermando che “non ci sarà un secondo blocco per le aziende per contenere la pandemia di coronavirus”, sostenendo anche che “l’aumento delle tasse nell’attuale situazione in Germania sarebbe un veleno per la ripresa economica”. Rimanendo in Germania, il Presidente della Bundesbank Weidmann ha

05/10/2020
Brexit: il tempo stringe...

L’ultimo giorno lavorativo della scorsa settimana non è stato certamente scevro di dati. Tra questi, l’IPC europeo ha deluso le aspettative, con un valore di -0.3% rispetto a -0.2% atteso. Sullo stesso tema, il Vicepresidente della BCE Luis de Guindos si aspetterebbe che l’inflazione dell’Eurozona rimanga a livelli negativi fino alla fine del 2020 e

02/10/2020
Presidenziali: Trump positivo... al virus!

I PMI italiani e tedeschi di settembre hanno deluso le aspettative nella giornata di ieri, a differenza di quelli dei cugini francesi. Il tasso di disoccupazione europeo è risultato invece in linea con le previsioni, anche se leggermente peggiore di quello dello scorso mese. In un documento citato da Reuters, la Commissione Europea ha affermato

01/10/2020
Germania la solita prima della classe

Giornata ricca quella di ieri per quanto riguarda i dati macroeconomici. Tra questi, quelli tedeschi sono risultati migliori delle attese, come è stato il caso delle vendite al dettaglio di agosto (3.1% contro lo 0.4% atteso) e del tasso di disoccupazione di settembre (6.3% contro 6.4% previsto), quest’ultimo calato per il terzo mese consecutivo. In

30/09/2020
Trump vs Biden: un incontro finito a insulti

Ieri l’economic sentiment dell’Eurozona ha superato le attese (91.1 vs 89 a settembre) soprattutto in seguito all’aumento di ottimismo nel settore dei servizi. Controcorrente, però, sono i timori sempre maggiori dei danni che potrebbe comportare una seconda ondata di coronavirus, a seguito dei preoccupanti dati sulle vittime del Covid, che hanno superato il milione. Riguardo

29/09/2020
Trump taglia le tasse... le sue!

Ieri l’EURUSD ha recuperato parte delle perdite della scorsa settimana arrivando in area 1.1670, in seguito ai segnali di ripresa provenienti dall’economia cinese, che hanno generato una maggiore propensione al rischio. La Germania ha proposto, citando un documento dell’Istituto Centrale, uno schema per lo Stato di Diritto per aver accesso ai fondi provenienti dal nuovo

28/09/2020
Italia Spaziale

La nuova ondata di coronavirus ha fatto sì che le Borse europee abbiano chiuso la scorsa settimana registrando la peggiore performance degli ultimi tre mesi. Visto il vertiginoso aumento dei casi in Francia, il Primo Ministro Castex ha avvertito che il Governo potrebbe richiudere alcune aree se il numero dei positivi dovesse rimanere elevato. Dal

25/09/2020
Trump vs Musk: sfida a colpi di dazi

Nella prima parte della giornata di ieri, l’EURUSD è stato scambiato fino a un minimo di 1.1626, per poi superare l’1.1670 questa mattina in seguito all’uscita dei dati americani. Il Capo Economista della BCE, Philip Lane, ha scritto su Twitter: “La priorità è il contenimento del virus. Se c’è un prolungato picco di casi, ciò

24/09/2020
Brexit: l’importante è crederci...

Nella giornata di ieri, l’EURUSD ha continuato a perdere terreno sulla scia dei giorni precedenti, arrivando a scambiare fino ad un minimo di 1.1644 questa mattina. Non sono bastati i PMI manifatturieri (Europeo e tedesco) positivi, contrariamente a quello americano, a supportare la moneta unica, ma sono pesati ancora i timori di un generale ritorno

23/09/2020
EURUSD sotto 1.17: winter is coming...

Continua il rafforzamento del dollaro nei confronti della moneta unica, fino ad un minimo di 1.1673, valore che non si registrava da fine luglio. La debolezza dell’euro è stata data principalmente dalle paure circa nuove misure di contenimento che i Governi potrebbero adottare nel breve periodo. Il Membro del Comitato Esecutivo europeo Panetta ha affermato,

22/09/2020
Il whatever it takes...di Powell!

Quella di ieri è stata certamente una giornata da dimenticare per l’euro, che contro il dollaro è arrivato a scambiare fino ad un minimo di 1.1731. Tra i motivi di tale discesa c’è stato sicuramente l’intervento della Presidente della Banca Centrale Europea, Christine Lagarde, che ha dichiarato come la ripresa economica nell’Eurozona rimanga molto “incerta,

21/09/2020
Vaccino: Trump avrà mica fatto i conti senza l’oste?

Prima che la settimana volgesse al termine, il Membro del Consiglio Direttivo della BCE, Pablo Hernandez de Cos, ha dichiarato che “non si può escludere che sarà necessario un nuovo stimolo economico” per sostenere la ripresa e per far avvicinare l’inflazione al target del 2%. Queste parole sono derivate dal fatto che la ripresa economica

18/09/2020
La speranza è l’ultima a morire dicevano...

Ieri il Vicepresidente della BCE Luis de Guindos ha dichiarato, durante un webinar, che “il cambio è una variabile economica fondamentale che influenza le importazioni, esportazioni, l’inflazione e la deflazione” e che “una fluttuazione vivace del tasso di cambio influisce sulla aspettative di inflazione e sulle condizioni che la determinano”. Dunque, la BCE potrebbe non

17/09/2020
Powell fa rombare il dollaro come l’Harley…

Ieri, il Membro direttivo della Banca Centrale Europea, Pablo Hernandez de Cos ha detto che l’Istituto Centrale potrebbe dover implementare nuove misure per stimolare l’economia dell’Eurozona. Poi, la Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, ha affermato che l’Europa dovrà impegnarsi a tagliare ulteriormente le emissioni nel prossimo decennio, promettendo l’uso di green bond

16/09/2020
Vaccino? Tranquilli, ci pensa Trump! Oggi concentriamoci sulla Riunione della Fed...

Se ne sentono tante sul vaccino che dovrà arrivare sul mercato. In Germania, il Ministro della Salute, Jens Spahn, ha dichiarato che nel suo Paese saranno garantite più dosi rispetto al numero totale della popolazione perché non sanno se questo potrà avere effetto sulla gente. Giornata positiva per lo stesso Paese, con un indice ZEW

15/09/2020
L'UE ha raggiunto un accordo...ma con la Cina! Il Regno Unito può aspettare

L’Europa, dopo aver rivisto la cometa Halley passata nel 1682, ha visto esaudire uno dei suoi storici desideri: ieri ha firmato un accordo con la Cina per la protezione dell’export di cibo e bevande. Dopo un breve periodo di transizione, lo champagne potrà essere chiamato in tal modo solo se proviene dalla vera regione francese,

14/09/2020
Londra non torna sui suoi passi e Bruxelles corre ai ripari!

Venerdì mattina l’euro ha proseguito il suo trend rialzista nonostante le dichiarazioni della Lagarde, che ha definito la ripresa economica del secondo trimestre “irregolare, incompleta e asimmetrica”. L’apprezzamento è stato poi bruscamente interrotto dalle parole del Membro della Banca Centrale Europea, Philip Lane, che ha ribadito che una divisa forte attenuerà ulteriormente le pressioni sui

11/09/2020
Alla Lagarde non interessa l'EURUSD...a noi sì!

Ieri durante la riunione di politica monetaria, la Banca Centrale Europea ha discusso sull’apprezzamento recente dell’euro. La Presidente Christine Lagarde ha infatti affermato: “Il Consiglio Direttivo ha discusso dell’apprezzamento dell’euro. Il nostro obiettivo è la stabilità dei prezzi e, chiaramente nella misura in cui l’apprezzamento dell’euro esercita una pressione sui prezzi, dobbiamo monitorare attentamente tale

10/09/2020
Oggi riunione BCE: le aspettative sono alte...speriamo non vengano deluse!

La lotta al coronavirus è tutt’altro che finita ma i passi avanti continuano. La Commissione Europea ha concluso i primi colloqui con BioNTech-Pfizer per accordarsi sull’acquisto di 200mln di dosi del potenziale vaccino. Intanto, a un giorno dall’incontro della BCE che ci sarà oggi a pranzo, il Membro del Consiglio Direttivo, Madis Muller, ha dichiarato

09/09/2020
"Imagine"...un mondo con la Brexit!

Sono finalmente giunte buone notizie dal Vecchio Continente. Nella giornata di ieri il PIL europeo su base trimestrale e su base annuale hanno registrato dei valori migliori delle attese, seppur rimanendo in territorio negativo. In merito all’EURUSD, il cross è arrivato a scambiare fino a 1.1758 di stamattina, minimo di tre settimane, spinto soprattutto dall’avversione al rischio da

08/09/2020
Usa e Cina distanti... ma mai quanto Londra e Bruxelles

Nella giornata di ieri l’EURUSD ha fatto capolino sotto l’1.1800 toccando un minimo di 1.1796 per poi assestarsi ai livelli attuali di 1.1810, soprattutto a causa dell’aumento delle incertezze elettorali e delle tensioni sino-americane. Dalla zona euro, il dato sulla produzione industriale tedesca ha registrato un valore di 1.2%, peggiore del 4.7% previsto. Nonostante ciò,

07/09/2020
Divorzio sì, ma lascia le tue posizioni altrimenti ognuno per la sua strada!

EURUSD in discesa fino ad un minimo di 1.1781 nella giornata di venerdì. A dare forza al biglietto verde sono stati i dati statunitensi sul tasso di disoccupazione del mese di agosto, che si è assestato all’8.4%, meglio sia delle previsioni (9.8%) che del dato del mese prima (10.2%). Meno buono è stato invece il dato

04/09/2020
A Bruxelles dita incrociate per EURUSD sotto 1.20

Nella giornata di ieri il PMI italiano e quello francese hanno registrato un valore sotto le attese, diversamente da quelli, sicuramente più rincuoranti, provenienti dalla Germania e dall’Eurozona. Il Membro della BCE, Philip Lane, ha affermato che, sebbene il cambio non sia d’interesse per l’Istituto Centrale, EURUSD ad un livello di 1.20 inizierebbe a destare

01/09/2020
Per il PIL italiano è Profondo Rosso come Dario Argento...

Nella giornata di ieri l’euro si è apprezzato contro il dollaro portando il cambio da un minimo di 1.1884 fino a un massimo di 1.1998, avviandosi ad archiviare il quarto mese di guadagno, e registrando un nuovo massimo da maggio 2018. Pare che gli investitori stiano ancora digerendo le parole del Presidente della Fed Powell

27/07/2020
EURUSD vola sopra l’1.17

Nel weekend l’EURUSD ha continuato la sua corsa fino a superare l’1.17. Tra i dati macroeconomici, il PMI manifatturiero tedesco di luglio ha registrato un valore di 50, meglio del 48 previsto e quello dei servizi si è spinto fino a 56.7 (50.5 previsto). Anche a livello europeo le cose sono andate bene, con il

21/07/2020
Fumata bianca dall’UE per il Recovery fund... sapremo spendere bene gli oltre 200 miliardi destinati al nostro Paese?

Doppio colpo per la moneta unica: recovery fund e notizie incoraggianti sul vaccino da AstraZeneca… e l’EURUSD passa di slancio l’1.1460 e, secondo alcuni, punta all’1.15 (al momento staziona in area 1.1450). Andiamo con ordine, la notizia più importante è l’accordo sul recovery fund. Macron lo ha definito un cambiamento storico per l’Europa e la

15/07/2020
La Merkel inizia a cedere... il dollaro crolla

per una volta la Germania non è lo specchio dell’Europa… questo ci hanno detto i dati di ieri (ZEW), usciti peggiori delle attese per i tedeschi (59.3 vs 60) mentre a livello aggregato abbiamo visto un bel 59.6 (atteso 55.8). Sfortunatamente la produzione industriale non ha seguito l‘esempio ed ha segnato un poco confortante 12.4%

14/07/2020
La ripresa a “V” in USA? Finchè la Cina compra…

Segnali positivi da entrambi i lati dell’oceano atlantico, con il Ministro dell’Economia tedesco che ha dichiarato come la ripresa sia in corso e il peggio sia passato, mentre il Consigliere economico della Casa Bianca, Larry Kudlow, ha affermato a Fox News di non prevedere ulteriori interruzioni riguardo la ripresa economica del Paese, che si prospetta

13/07/2020
Ce n’è voluto affinché il Tycoon indossasse la mascherina…

In Europa tutto ruota intorno al Recovery Fund: il Ministro delle Finanze tedesco, Olaf Scholz, aveva aperto il week-end con un poco confortante “le discussioni dell’UE potrebbero richiedere più tempo del solito”, ma la settimana si apre con i colloqui fra la Merkel e il PM spagnolo in vista della prossima riunione dei vertici UE

10/07/2020
“Se ti siedi la metà la pago io”... ma occhio alla postilla!

Secondo quanto riportato ieri da Reuters, i Ministri delle Finanze dell’Unione Europea esorteranno il G20 ad avere una maggior coesione e cooperazione internazionale in materia di politica monetaria e fiscale per riprendersi dalla crisi economica scaturita dal coronavirus. Il dato sulle richieste di sussidi di disoccupazione in USA ha battuto in positivo le previsioni, registrando

09/07/2020
L’Italia conquista Berlino... non oggi, nel 2006! Al momento “c’è ancora molto lavoro da fare”

Recovery fund? “C’è ancora molto lavoro da fare” secondo Charles Michel, Presidente del Consiglio Europeo, ma un po’ di euforia è arrivata da Peter Altmaier, Ministro dell’Economia tedesco, secondo il quale potremmo vedere una ripresa tra ottobre e novembre e da Luis De Guindos, Vicepresidente della BCE, che ha affermato che “i dati recenti suggeriscono

08/07/2020
Tik-Tok – guida su come inviare i propri dati al partito comunista?

Giornata piuttosto calma per l’EURUSD, che si è aggirato in area 1.1300. Se dal vecchio continente il dato della produzione industriale tedesca non è riuscito a battere le aspettative, a sorprendere in positivo sono stati i JOLTs americani, arrivati a quota 5,397mila contro il 4,850mila atteso. Dall’Europa, il Membro della Banca Centrale Europea Costa ha

06/07/2020
Knot: “la bilancia dei rischi è diventata più favorevole”... sotto a spendere!!!

Nel fine settimana, durante un webinar, la Presidente Lagarde ha affermato che le pressioni deflazioniste persisteranno anche per i prossimi due anni, principalmente a causa della profonda trasformazione che l’economia del vecchio continente sta attraversando. Ha poi sottolineato come “le pandemie, in genere, aumentano la disuguaglianza, con conseguenze economiche e sociali che la Banca Centrale

03/07/2020
EU e UK sono ancora distanti... e non sarà un pasto da Pizza Hut ad avvicinarli!

A distinguere l’Italia dal resto d’Europa ieri ci ha pensato il tasso di disoccupazione: migliore delle attese a livello aggregato (7.4% vs 7.7%), peggiore quello specifico del Belpaese (7.8% vs 7.7%). Per quanto riguarda la zona euro, l’Indice dei Prezzi della Produzione di maggio ha registrato un valore leggermente sotto le attese (-0.6% vs -0.5%).

01/07/2020
C’era un volta il dato macro, sostituito dai tweets di Trump, rimpiazzati dal numero di contagi

C’era una volta il dato macro, che lasciò il passo ai tweets di Trump nel guidare l’andamento dei mercati. Ma le cose cambiano… e gli ultimi giorni mostrano chiaramente come ci sia un nuovo sceriffo in città: i dati sul numero di casi in USA. Ieri l’aumento in Florida è stato del 4.2% rispetto al

30/06/2020
Mentre la Cina riparte, sorge spontanea una domanda: in UK chi paga?

Giornata altalenante quella di ieri, con EURUSD che arriva a sfiorare l’1.13 (1.1289) dopo che l’IPC tedesco ha battuto le attese (0.6% vs 0.3%) e il numero di contagi in USA non accenna a diminuire. Gabriel Maklouf, Governatore della Banca Centrale d’Irlanda, ha infuso ottimismo dichiarando che “l’Eurozona sta riemergendo dalla crisi”. Ma l’argomento clou

29/06/2020
BCE pronta alla risposta imponente, i texani vanno troppo al bar e la Cina minaccia ritorsioni

Il 29 Giugno, una data impossibile da dimenticare per ogni appassionato di calcio… e non possiamo quindi che aprire con il ricordo di quell’Italia-Olanda di ormai vent’anni fa: il giorno in cui Toldo divenne eroe nazionale e un Totti sbarazzino si legò per sempre al cucchiaio. Apertura di oggi dedicata al calcio anche per via

26/06/2020
UE batte USA 1 – 0... ma il dollaro si apprezza

Il dato sulla fiducia dei consumatori tedeschi ha battuto le aspettative assestandosi a -9.6 contro il -12 stimato dal mercato. Dai verbali della BCE emerge come il Consiglio Direttivo sia pronto ad adeguare l’intera gamma dei suoi strumenti, compresi TLTRO, tassi d’interesse e obiettivi di inflazione. Tra i membri del Consiglio, Klaas Knot ha dichiarato

25/06/2020
“Brexit: l’arte di procrastinare nel nuovo millennio”... e Draghi entra nella Trecani

Continuano ad arrivare dati positivi dall’economia europea, in particolare l’indice IFO tedesco che ha toccato 86.2, in netto miglioramento rispetto al precedente 79.7. Come ha ricordato il capo economista BCE Philip Lane, questi non sono indicativi di una ripresa economica in quanto la riapertura produrrà crescita positiva nel breve termine, ma ci vorrà più tempo

24/06/2020
“Eppur si muove”... ma se usasse un’Alfa sarebbe più veloce

“Eppur si muove”… ma non ci riferiamo all’eliocentrismo, bensì all’economia europea, che mostra i primi segni positivi: Pmi sopra le attese a livello aggregato oltre che per Francia e Germania. Dovremo invece attendere ancora qualche settimana per sapere come finirà il capitolo “aiuti”: Barend Leyts, portavoce UE, ha annunciato che i leader dell’eurozona si riuniranno

23/06/2020
“Le misure sono sufficienti”... ma la ripresa sarà “lenta e dolorosa”

Luis De Guindos, vicepresidente BCE, dichiara che le misure adottate contro la crisi determinata dal coronavirus sono sufficienti e l’unico rischio è quello di ricaduta… ma dalla Germania arriva la risposta di Weidmann, membro del Consiglio Direttivo della BCE, secondo il quale la ripresa sarà “dolorosamente lenta”. Il Primo Ministro cinese dichiara che “la cooperazione

22/06/2020
Trump e le sue ipotesi di complotto…

“L’economia della Cina è in ginocchio a causa dei super dazi degli USA e così alcuni scienziati decidono di scatenare una pandemia per fermare l’avanzata dell’armata a stelle e strisce”. No, non è l’introduzione ad una nuova serie Netflix, e si, sarebbe bello se fosse il remake di Kenshiro… e invece è il pensiero di

16/06/2020
Timore vs Ottimismo... in Asia non hanno dubbi sul vincitore

Chi vincerà fra il timore per la seconda ondata e la speranza che, qualsiasi cosa accada, governi e banche centrali metteranno mano al portafoglio? Stamattina abbiamo ricevuto una risposta da parte dell’Asia: “aiuti” battono “timore” 5 a 0… è quasi del 5% infatti l’aumento del Nikkei con cui ci siamo svegliati. I dati in uscita

15/06/2020
La Polonia ha invaso la Repubblica Ceca (per sbaglio)... e Sgarbi chiede l’Italexit.

Quella appena iniziata è una settimana interessante sotto diversi punti di vista. Venerdì sono arrivati dati positivi dall’Europa, che hanno portato Il Ministro dell’Economia tedesco, Peter Altmaier, a dichiarare: “siamo convinti di poter riportare l’economia tedesca nello stato in cui si trovava prima dell’epidemia di coronavirus entro il 2020”. Altro bel segnale arriva sul fronte

12/06/2020
Mercati azionari: un giorno così buio non lo si vedeva da marzo

Un mix di dati macroeconomici unito alla maggiore avversione al rischio dovuta da un aumento dei contagi, ci ha fatto vedere un EURUSD che ha oscillato tra un minimo di 1.1277 ed un massimo di 1.1404. Ancora una volta i dati sulle richieste iniziali di sussidi di disoccupazione (1.542mln al di sotto delle attese 1.550mln)

11/06/2020
Domandare è lecito

Giornata intensa, come sempre post interventi del FOMC. Il mercato in realtà scontava già ampiamente il fatto che non ci sarebbero state modifiche dirette sui tassi, ma temeva possibili manovre volte ad abbassare la curva dei rendimenti dei Treasury. Timori e dati negativi (IPC core sotto le attese) non fanno bene ad alcuna valuta… ed

10/06/2020
Amazon e Netflix mandano il Nasdaq in orbita

Dati e dichiarazioni da entrambe le parti dell’Atlantico… ed EURUSD che non si decide sul prendere una direzione. Ieri ad uscire per primi sono stati i dati sul PIL europeo, con un confortante -3.6% su base trimestrale… i commenti però sono stati contrastanti: alla definizione “necessarie e proporzionate” data alle misure messe in campo dalla

09/06/2020
Francoforte riconosce come unica giurisdizione quella della Corte UE. Punto.

Francoforte riconosce come unica giurisdizione quella della Corte UE. Punto. La risolutezza non è certo mancata alla Lagarde forse stufa del fatto che, mentre tenta di salvare l’Unione, l’unica domanda che le rivolgono riguarda i giudici tedeschi. La BCE ancora un volta si dimostra il vero collante dell’Eurozona ed è confortante che il PEPP continui

08/06/2020
Icaro e il Febo Apollo... l’EURUSD e il tentativo di arrivare a 1.14

Venerdì ci siamo lasciati con l’EURUSD in volo, chiedendoci fin dove sarebbe potuto arrivare in vista dei dati in USA. Ebbene, ricordate Icaro? Sembra che il Febo Apollo abbia preso le sembianze dell’1.14 e, complice un report sul mercato del lavoro a dir poco sorprendente, rispedito l’EURUSD sotto 1.13. Stati Uniti sugli scudi dunque, in

04/06/2020
Italia: tasso di disoccupazione si riduce… meraviglie della matematica

Buongiorno, Altra giornata con dati positivi in Europa (PMI superiori alle attese in ogni Paese) ed EURUSD che sale fino a superare l’1.1250, nonostante l’aumento dei disoccupati in Germania (+20% rispetto a quanto previsto). Disoccupazione italiana al 6.3%… bellisssimo! O forse no? Sarebbe bello se nell’ultimo mese la disoccupazione fosse davvero scesa dall’8% al 6.3%,

03/06/2020
Trump va sotto 3 a 0... se il mercato credesse alla “remuntada” l’EURUSD non sarebbe sopra 1.12

Come non iniziare dal “liberi tutti” ? Da oggi finalmente siamo liberi di poter visitare i nostri cari, gli amici…. e le tante località che il mondo invidia al nostro Paese. Le buone notizie per l’Italia non si esauriscono però con la maggior libertà dei suoi cittadini: indice PMI ha battuto le attese (45.4 vs

01/06/2020
Nel bunker c’è segnale? Purtroppo si...

Giorni movimentati sul mercato, in particolare sul nostro cross preferito: l’EURUSD ha superato di slancio l’1.11 sul finire della settimana, arrivando fino a 1.1150 per la gioia di chi ne ha approfittato piazzando qualche ordine. Occhi puntati soprattutto negli States, dove l’attacco di Trump a Twitter non si placa: il social viene accusato di “non

29/05/2020
Tutti pazzi per i social

Giornata positiva quella di ieri sui mercati, che puntano al quinto giorno di fila in rialzo, con EURUSD che tocca il massimo mensile a 1.1139 nella mattinata di oggi. Il motivo è da ricercare nel maggiore ottimismo sui mercati che ha causato una maggiore propensione al rischio. Spostandoci sui dati macroeconomici di ieri la fiducia

28/05/2020
AAA Cercasi nuovo social per la politica estera USA... intanto l’Europa saluta l’arrivo del recovery fund e il Regno Unito non sa più come difendersi

Alla fine è arrivato… e non sembra affatto male! Il recovery fund proposto da Macron è realtà: 750 miliardi, 2/3 dei quali a fondo perduto, suddivisi fra i Paesi in funzione delle esigenze specifiche… che tradotto vuol dire 173 miliardi al Belpaese (81 a fondo perduto) e 140 alla Spagna, seconda in graduatoria. Questo il

27/05/2020
Trump e Twitter pronti al divorzio

L’ottimismo è sale della vita… ma è anche il principale supporto alla moneta unica, che nella giornata di ieri si è apprezzata contro il dollaro fino a sfiorare 1.10, livello appena superato. Ma da dove arriva? In parte da un tweet della nostra ex amica Ursula (Von der Leyen), che ha confermato come la campagna

26/05/2020
"Non mi pento e non mi dimetto"

Memorial Day in USA e bank holiday nel Regno Unito, ovvero calma piatta sui mercati: EURUSD balla intorno all’1.09 e EURGBP sullo 0.8935 per tutto il giorno. In zona euro sono arrivate piccole sorprese dai dati in Germania, con il PIL che scende del 2.2% su base trimestrale (1.9% su base annuale) e l’indice IFO

25/05/2020
Nuova Guerra Fredda alle porte?

Secondo l’ultimo rapporto mensile pubblicato dal Ministero delle Finanze tedesco, le entrate fiscali del Governo e dei 16 Stati federali che lo compongono sono diminuite del 25.3% ad aprile a causa della pandemia. Poco confortanti anche le parole di George Soros, secondo il quale il danno che l’Europa ha subito a causa del coronavirus durerà

22/05/2020
A chi non piace Risiko: Pac-man oggi festeggia 40 anni

Ieri scrivevamo di un Trump in versione “la tocco piano” e se qualcuno ha pensato stessimo esagerando, ecco la news di gionata: il Senato statunitense ha approvato una proposta di legge che impedisce alle società cinesi di quotarsi a Wall Street, ostacolandone, in questo modo, la raccolta di capitali dagli investitori americani. E dalla Cina?

21/05/2020
Trump in versione “la tocco piano…”

A volte ritornano… vale anche per i tassi di cambio: ieri abbiamo rivisto EURUSD fare una timida puntatina sopra l’1.10! Ad aiutarlo i dati IPC europei su base mensile e annuale, che hanno segnato entrambi un valore di 0.3%. Ma dato che l’argomento a tutti caro sono gli aiuti… guardiamo al Corriere, che riporta la

20/05/2020
"Spera nel bene ma preparati al peggio"

Oggi iniziamo con qualche dato e, dopo settimane, possiamo usare l’aggettivo “positivo” nella sua migliore accezione: l’indice ZEW sulla fiducia dell’economia tedesca ha segnato un valore di 51, decisamente migliore del 32 previsto. Lo stesso dato a livello europeo si è fermato a 46, comunque ben al di sopra del 25.2 visto il mese scorso.

19/05/2020
M&M tendono una mano... sapremo usarla?

La nube sul recovery fund ipotizzato settimane fa inizia a diradarsi e da ieri pomeriggio sappiamo almeno la dotazione: 500 miliardi che saranno destinati ai Paesi più colpiti e graveranno sul bilancio UE. Ad annunciarlo sono stati colui che per primo lo ha proposto (Macron) e colei che guida il Paese più forte, la Merkel.

18/05/2020
Fase 2: grandi cambiamenti ma a tenere banco tornano la Brexit e USA-Cina

Fase 2bis iniziata, ma cosa ci aspetta? L’inizio di una nuova normalità e l’attesa per il 3 giugno, data in cui potremmo poter tornare anche a spostarci fra regioni, potendo tornare dai nostri cari più lontani e godendo magari di un bel week end fuori porta. Per il momento salutiamo con entusiasmo la riapertura dei

05/05/2020
La Corte Costituzionale tedesca non ci ferma!!!
28/04/2020
La BCE ci aiuta… la Commissione Europea, speriamo!
21/04/2020
Ursula e Christine: le nuove amiche dell'Italia ci aiuteranno?
07/04/2020
L’Italia fa la sua mossa, ora aspettiamo l’Europa!
16/03/2020
La FED non basta...ma Powell batte Lagarde 2 a 0
28/02/2020
Attenzione si, psicosi anche no! Agli imprenditori della ristorazione milanese diciamo GRAZIE per l'iniziativa
24/02/2020
Attenzione si, psicosi anche no!
21/02/2020
Finalmente qualche numerino positivo dal Vecchio Continente... anche se la Merkel non è soddisfatta delle trattative sul budget UE.
19/02/2020
"Che barba che noia... che barba che noia". Ricordiamo la Mondaini per commentare i dati di ieri e l'EURUSD che continua a scendere.
18/02/2020
BREXIT: chi paga? Semplice, chi resta fino alla fine delle festa paga il conto, come in discoteca... Intanto l’Italia rischia la recessione già quest’anno e in UK un consigliere di Johnson perde l’occasione per stare zitto.
17/02/2020
Milano Fashion Week: 56 sfilate, 96 presentazioni e 34 eventi... dove vederli? Passate da noi, abbiamo il maxi-schermo proprio sotto il nostro ufficio!!!
14/02/2020
Siamo alle solite… escono i dati da entrambi i lati dell’Atlantico e l’EURUSD cola a picco!!! Ma il Regno Unito non sta a guardare e Johnson pur di esser protagonista fa fuori il Ministro delle Finanze...
12/02/2020
Caro Johnson, pensavi davvero di chiedere il divorzio e prenderti tutti i beni?
11/02/2020
Gli inglesi sono davvero diversi da noi: qui se uno propone di costruire un ponte viene eletto, non criticato...
10/02/2020
Dati positivi in USA? Non servono, a far deprezzare l’euro ci pensa l’economia europea… ma per fortuna i ministri delle finanze parlano di politiche di bilancio espansive… E nel frattempo Trump fa lo shampoo a Johnson e Visco inaugura l’anno.
07/02/2020
La Lagarde cambia passo e inizia a parlare... e da oltremanica ribadiscono che "l'unione fa la forza... ma non in Europa"
06/02/2020
Vedere dati positivi in Europa, con l’Italia in prima fila, è davvero una bella sensazione… A volte è bello esser smentiti! Ci ha provato anche la Lagarde, ma è caduta nel finale… e Trump gongola
05/02/2020
UK non importerà più il vino tedesco... più che una minaccia all'UE è un favore a loro stessi....
04/02/2020
Super Bowl LIV: in campo Kansas City batte i 49ers per 31 a 20, sui tabelloni invece va in onda il match Trump vs Bloomberg (1 a 0 per il Tycoon). La BCE nel frattempo dichiara che il coronavirus è un fattore di incertezza... saranno stati i 63 miliardi in meno sul PIL cinese del solo primo trimestre a spingerli ad esporsi?
03/02/2020
Trump si gode l’ormai certa vittoria nel processo di impeachment giocando a golf a West Palm Beach, forse non pensando che a causa del coronavirus non sarà facile per la Cina rispettare gli accordi della Fase 1
31/01/2020
Picasso diceva "tutto ciò che puoi immaginare è reale"...anche l'Europa senza il Regno Unito
30/01/2020
Tassi invariati, crescita moderata e inflazione ben lontana dal 2%: occhio Jerome che Donald ti sta aspettando al varco...
29/01/2020
Caro Donald, la questione palestinese è complessa e pensare di risolverla con contrattazioni stile monopoli è un'utopia
27/01/2020
Nel we abbiamo capito 2 cose: l’Europa non è la Germania (purtroppo) e le dichiarazione della Lagarde andrebbero suggerite alla Treccani per migliorare la definizione di “inutile”
24/01/2020
Il meeting della BCE di ieri? Utile come una forchetta per il brodo... per fortuna che sta per iniziare l'anno del Topo...
23/01/2020
"Smetto quando voglio"... e allora fallo! E' il momento giusto se davvero pensi che l'acquisto di una 500 sia una minaccia alla sicurezza nazionale.
22/01/2020
Tutti pazzi per Trump!
21/01/2020
Trump chiama Macron... io avrei chiamato Conte (Antonio)
20/01/2020
Meglio uno specchio o un atlante? Usate il primo se state cercando chi ha pagato per la guerra commerciale USA-Cina....
17/01/2020
Nuovi grattacapi per Trump, BCE si autocelebra… e la Lagarde fa una dichiarazione illuminante!
15/01/2020
15/01 giornata storica: nasce il Basket, il Pentagono, l'ANSA, Happy Days e Wikipedia... perchè non aggiungere l'impeachment e la firma dell'accordo USA-Cina?
14/01/2020
Ultimatum sui dazi ai prodotti alimentari italiani... speriamo che i due inviati dall'UE in nostra difesa non mangino la pasta con il ketchup o la carbonara con la panna!
13/01/2020
Un divorzio tira l'altro...
10/01/2020
USA: dati positivi... ma Trump ha poco da festeggiare!
09/01/2020
Il bicchiere è mezzo pieno o mezzo vuoto?

Ottantacinque anni fa nasceva un’icona a stelle e strisce, Elvis Presley, autore di tanti capolavori fra cui “Don’t be cruel”… canzone più che mai attuale ora che il panorama americano non è dominato da un cantante ma da un politico, Trump. Attacco americano, risposta dell’Iran e Trump che tweetta “Tutto bene…. per il momento tutto

08/01/2020
“C’era una volta Trump... e altre storie di ordinaria follia”

Ed eccoci di nuovo qui, ci siamo appena lasciati il 2019 alle spalle e non potevamo che ripercorrere gli avvenimenti che hanno caratterizzato quest’anno, come nei social ma… per i tassi di cambio! Osservando l’andamento di EURUSD possiamo notare una forbice che ha spaziato da 1.1572 a 1.0879 (circa il 6% di variazione). Ma cosa

Subscribe

* indicates required

Subscribe

Sign up to get our insights directly to your inbox

Sign up