Che ieri Trump, dopo aver perso due stati nel Super Tuesday, non avesse troppa voglia di twittare, lo capiamo. Di questi tempi il silenzio stampa significa calma piatta sul cross e infatti non si è assistito a nessun movimento degno di nota.
Tornando nel vecchio continente, ieri sono usciti i dati PMI europei superiori alle aspettative, eccetto che per la Spagna, ma ciò non è bastato a dare spunti operativi significativi. In risposta ai nostri dubbi riguardo le sue uscite, la Lagarde a mezzo stampa ci fa sapere che “La Germania è importante ma è una dei 19 paesi dell’euro-zona” aggiungendo poi un “certo, è un’economia molto grande, ma anche tutti gli altri devono essere a bordo”. Il neopresidente della BCE ha infine affermato di non essere né un falco né una colomba, ma preferisce essere assimilata ad un gufo saggio. Ignoriamo l’assist e ricordiamo con piacere il buon vecchio Mike e la signora Longari.

Visto il silenzio del biondo d’oltre oceano, a twittare questa volta è stato il biondo d’oltremanica. A quanto pare però non basta aver infranto la convenzione della riservatezza dei colloqui con la Regina per far muovere la sterlina, ci vuole ben altro per sorprendere i telespettatori della serie Brexit dopo così tante puntate. Tornando per un attimo seri, sono la decisione della BoE sui tassi di interesse, il rapporto sull’inflazione e il discorso di Carney a tenere banco questa settimana e le elezioni politiche a guidare gli scoop del prossimo mese. Restate sintonizzati, secondo noi da qui a Natale si balla.
Giornata relativamente scevra da avvenimenti di rilievo anche nella storia, da segnalare la nascita della macchina per fabbricare sigarette (1876), Lenin che rovescia il governo russo (1917) e la prima puntata di Striscia la Notizia (1988).

CALENDARIO ECONOMICO
10:00 – Rapporto mensile della BCE
13:00 – Rapporto della BoE sull’inflazione
13:00 – Decisione sui tassi di interesse UK
13:30 – Discorso del Governatore BoE Carney

EURUSD: 1.1068
EURGBP: 0.8615